La guida alla Trasformazione Integrata
Simone Romano has created 67 entries

Simone Romano

  • Trova la chiave per liberarti dalle catene della tua infrastruttura!!!

    Nel precedente articolo abbiamo affrontato i motivi per i quali non puoi permetterti che l’infrastruttura della tua azienda sia gestita in modo approssimativo. Mentre leggevi l’articolo ho notato nelle smorfie del tuo volto che seppur fossi d’accordo sul fatto che “questo tizio alla fine sta dicendo cose sensate” ancora un bel po’ di domande sono rimaste a frullare nella tua testa.

    Proviamo quindi a chiarire i principali dubbi che, nel momento in cui inizi un progetto di razionalizzazione dell’infrastruttura e di migrazione in cloud, potrebbero ostacolarne il processo e soprattutto i motivi per cui sono falsi

    • Non sono sicuro di portare i dati della mia azienda in cloud

    Questa è una delle obiezioni più frequenti…

    Se da un lato riesco a capire che possa essere destabilizzante sapere che tutto il patrimonio informativo della tua azienda sia custodito da un “estraneo” (il Fornitore/Partner di servizi cloud) d’altro canto la  prima risposta a questa obiezione è relativa a tutti i temi sulla sicurezza dei dati affrontati nel precedente articolo. Come vedremo quando andremo a sviscerare i vari modi con i quali è possibile portare la tua infrastruttura in un data center di ultima generazione, esistono modalità che ti garantiscono di avere un ambiente completamente dedicato alla tua azienda  (il cloud privato) e che quindi ti rende sicuro della segregazione fisica dei dati tra la tua compagnia e il resto del mondo.

    • Chi mi garantisce che le risorse virtuali in cloud siano davvero a mia disposizione e che non ci siano problemi nel momento in cui ho esigenze di picco

    Nel mondo virtuale, dove le risorse sono condivise, può essere lecito chiedersi se quest’ultime siano davvero disponibili per le nostre esigenze e cosa potrebbe succedere al crescere del business o in caso di esigenze temporanee di picco. Il modo migliore per affrontare questo dubbio è quello di farsi aiutare da uno specialista a dimensionare correttamente l’infrastruttura in cloud, di affidarsi ad un provider affidabile e di prevedere nel contratto che i picchi di richieste siano gestisti in maniera automatica salvo poi rivedere le stime o pagare un extra per le risorse aggiuntive utilizzate.

    È sicuramente vero che la gestione dei picchi può essere un problema che potrebbe mettere in crisi la tua infrastruttura fisica nel momento in cui la naturale obsolescenza ti porta a dover effettuare un upgrade fisico. È invece molto più facile “prendere in prestito” risorse da una infrastruttura in continua crescita,  dimensionata per ospitare molti Clienti e in grado di accogliere il nuovo business che si acquisisce

    • Abbiamo appena aggiornato la nostra infrastruttura HW quindi non è il momento di pensare al cloud

    Fermo restando che esternalizzare la propria infrastruttura non significa per forza utilizzare servizi di cloud pubblico. In questo caso specifico è importante ricordare che i server sono solo una componente del tuo data center e che quindi per essere tranquillo di garantire la continuità operativa la soluzione migliore è quella  di affidarsi ad un servizio di Colocation o di definire un servizio di Disaster Recovery in cloud. Ad ogni modo il fatto di aver comprato nuove macchine non mette al sicuro te e il tuo business da tutte le problematiche descritte fino a questo momento.

    • Aggiungo un livello di complessità dovendo accedere ai miei server in remoto e non potendo intervenire fisicamente quando voglio

    Anche questo è un falso mito. Tra tutti il motivo più importante è legato al fatto che migrare la tua infrastruttura ti costringe a fare l’inventario delle macchine fisiche, delle macchine virtuali, delle applicazioni installate, delle procedure automatiche e di tutto quello che ruota intorno al tuo data center. Ti stupirai di quanto la routine giornaliera di porti ad essere inefficiente e disorganizzato nella gestione dei tuoi server.  Non è poi vero che non si possa intervenire fisicamente sui tuoi server, ma proprio per maggiore sicurezza puoi esternalizzare tutte le attività fisiche che devono essere fatte sulle tue macchine. Ultimo ma non meno importante, oggi si sta diffondendo quello che è definito Cloud Ibrido e che farà in modo che per te e per il tuo business sarà davvero indifferente il luogo in cui sono le tue macchine e soprattutto in quanti luoghi sono (in uno o più DC, on premise, ecc..). Proverò a raccontarti meglio nel prossimo articolo cosa è il cloud ibrido.

    Nel prossimo articolo approfondiremo le modalitá con le quali puoi mettere in sicurezza la tua infrastruttura, e le motivazioni che dovrebbero guidare la tua scelta.

    Nel frattempo se hai dubbi, curiosità domande non esitare a contattarmi!!! Make your choice… and… Share the knowledge!!!

  • Perché la trasformazione della tua azienda passa dalle nuvole

    Ho già espresso in altre occasioni il mio punto di vista sul fatto che un buon reparto IT deve essere a supporto del Business e deve focalizzarsi sulla semplificazione dei processi per far funzionare come una macchina perfetta la tua azienda. È anche vero che molto spesso, tale reparto è sottodimensionato e non è in grado quindi di garantire i massimi standard qualitativi in termini di sicurezza e affidabilità di tutta l’infrastruttura.

    D’altro canto non è certo colpa degli IT Manager se il budget a loro disposizione non è sufficiente per avere sale server di ultima generazione, sistemisti dedicati a garantire che tutto funzioni e personale impiegato a verificare costantemente che l’infrastruttura sia sempre funzionante al 100%.

    Per quanto possa sembrare controintuitivo a chi non è un esperto del settore, nella maggior parte dei casi (direi praticamente sempre) avere l’infrastruttura in casa comporta un aggravio di costi e soprattutto mette davvero in pericolo la tua azienda con un rischio economico incalcolabile.

    Giusto per toccare un argomento d’attualità pensiamo al caso del worm Wannacry  che ha messo in ginocchio molte nazioni e che ha creato seri danni a molte aziende.  Ho personalmente sentito IT Manager che hanno preferito spegnere i loro server e scollegare il loro business dal mondo per non rischiare di essere contagiati. Credi che questa possa essere la soluzione per mettere al sicuro la tua azienda? Se la riposta è SI, allora ti faccio il mio in bocca al lupo e credo che non serva continuare a leggere ancora. Se come invece credo, pensi anche tu che sia inaccettabile correre questo tipo di rischi, analizziamo insieme in questo e nei successivi articoli:

    1. Perché dovresti esternalizzare la tua infrastruttura nel Cloud;
    2. Le obiezioni che ostacolano il processo ed il motivo per cui sono false;
    3. I modi in cui è possibile effettuare il porting in cloud della tua infrastruttura;
    4. Gli step da seguire per mettere al sicuro la tua infrastruttura.

    Iniziamo ad approfondire se esternalizzare la tua infrastruttura, in tutto o in parte, sia l’unica scelta possibile o se esistono alternative valide. Purtroppo, anzi direi per fortuna, la risposta a questa domanda è davvero una sola: meglio esternalizzare la tua infrastruttura indipendentemente dalla modalità con la quale lo farai.

    Provo ad utilizzare un esempio semplice per provare a spiegarti il perché di questa risposta netta. Mettiamo che tu abbia 1 Milione di Euro in contanti, saresti tranquillo a tenerli in casa? In questo caso la cosa più giusta da fare, prima ancora di decidere come gestire il capitale, sarebbe quella di esternalizzare il servizio di custodia del tuo capitale. Questo non vuol dire scegliere come e se investire il capitale, se mettere i soldi in un libretto di risparmio, se investire in borsa, o se tenerli in una cassetta di sicurezza. Vuol dire essere certi che qualunque sarà la scelta sarai sicuro di poterla fare con la serenità di non doverti preoccupare di custodire i soldi da furti, incendi o altre catastrofi.

    Ecco lo stesso vale per la tua infrastruttura, portarla in un Data Center di ultima generazione è la prima scelta da fare, ed è necessario essere consapevoli di questo prima ancora di decidere in che modo, se utilizzando servizi di Cloud pubblico, Cloud Privato, Colocation, Cloud Ibrido o qualcosa che non è  ancora stato inventato

    Qualunque sarà la decisione che prenderai sarai sicuro che, scegliendo un Data Center con gli adeguati livelli di sicurezza e un giusto partner che ti supporti in questo cambiamento, non dovrai preoccuparti delle sciagure che potranno succedere alla tua sala server (incendio, alluvione, furto, corto circuito ecc.).

    Il driver che ti deve guidare in questa scelta è sempre relativo a quanto importanti siano i dati della tua azienda. Può essere accettabile perdere tutti i dati e le informazioni della tua azienda? Chiunque si aspetta che questo non succeda, ma credi che il fatto di fare un backup notturno e tenerlo nella stessa stanza dove sono i tuoi server possa farti dormire sonni tranquilli? E se anche lo fosse, puoi accettare di restare fuori dal mondo e smettere di fare business a causa di un calo di energia elettrica o di una interruzione di connettività? E se peggio ancora dovesse andare a fuoco il tuo DC? Puoi permetterti di bloccare tutte le attività per un mese prima di riprendere a lavorare?

    Partiamo da questi presupposti per analizzare nei prossimi articoli le obiezioni che in genere ti rendono scettico sull’esternalizzare l’infrastruttura e perché sono false e affrontiamo quali sono le modalità con le quali puoi eseguire queste operazioni. Ti darò poi dei suggerimenti da seguire per mettere al sicuro la tua azienda partendo da zero.

    Se hai dubbi, curiosità o domande sono sempre qui ad ascoltarti…. Make your choice.

  • Guida pratica all’introduzione di innovazione in agricoltura

    Nel precedente articolo ho provato a darti una visione di quali siano i macro temi che chi lavora nel mondo agricolo sta affrontando. Probabilmente sotto alcuni punti di vista sono stato troppo sofisticato.

    Provo quindi ora a darti dei consigli più semplici in modo che tu li possa mettere in pratica in maniera più immediata e trarre benefici dall’introduzione di innovazione nel tuo settore. Spesso nel mio lavoro si parte con dei Proof of Concept (PoC); quello che voglio provare ad offrirti sono progetti realizzabili come PoC che non stravolgano la tua organizzazione e conseguentemente il conto economico. Sono pero’ sicuro che il ritorno che avrai sara’ tale da mostrarti quanto sia utile e necessario continuare nel processo di trasformazione e non fermarti alla base dello stesso.

    Di seguito un elenco di soluzione che puoi mettere in pratica a tempo zero, sfruttando in maniera strategica una miscela di ICT, Iot e Cloud.

    L’ordine in cui le riporto segue la semplicità di realizzazione e di implementazione:

    1. App per la gestione della forza lavoro

    Il mondo agricolo è spesso caratterizzato da personale che lavora su grandi campi in maniera isolata e su pesanti mezzi meccanici. Ecco quindi che l’utilizzo di un dispositivo “Uomo a terra” può fare la differenza in ambito di sicurezza per te stesso e per i tuoi dipendenti qualora si verifichi un incidente su lavoro.

    Tale soluzione può essere trovata sul mercato come apparato stand alone o come Applicazione per  smartphone. L’ultimo caso si presta in maniera agile a funzionalità aggiuntive quali la Geo timbratura (per permettere ai tuoi dipendenti di timbrare in maniera smart una volta arrivati sul luogo di lavoro), di verificare e gestire mediante un cruscotto direzionale la posizione della tua squadra e di comunicare variazioni o aggiornamenti sui lavori da eseguire.

    1. Fleet Management

    Prima ancora di pensare ai trattori a guida autonoma, puoi ottimizzare la gestione dei tuoi mezzi attraverso una soluzione di fleet management. Tali soluzioni sono oggi sempre più evolute ed oltre a mostrare la posizione ed i km percorsi dai tuoi mezzi, ti permettono anche di gestire e tener traccia delle manutenzioni, di effettuare controlli sul reale consumo di carburante. Tali soluzioni possono inoltre essere integrate con sensori che completano la gestione e permettono la risoluzione delle più svariate esigenze:

    • Controllo della catena del fresco dei tuoi prodotti,
    • Manutenzione predittiva del mezzo,
    • Verifica e tracciamento di ogni singola fase del trasporto,
    • Azionamento di valvole, sensori e allarmi al verificarsi di determinate condizioni.
    1. Sensori ambientali utili al fine di ottimizzare i trattamenti, prevenire malattie ed evitare dunque costi extra, anche in ambito biologico

    Anche la sensoristica ambientale ha fatto passi da gigante ed e’ ora disponibile a prezzi accessibili. Potresti quindi installare delle stazioni meteo per conoscere e agire preventivamente al verificarsi di determinati eventi climatici, ottimizzando gli interventi sulla piantagione e minimizzando i rischi di danni al raccolto.

    Puoi aggiungere sensori che ti informano sulla presenza e sulla quantità di insetti parassiti evitando cosi di utilizzare inutilmente diserbanti o per gestire, in agricoltura biologica, le contromisure naturali a tali parassiti.

    1. Tracciabilità e carta d’identità dei prodotti

    Oggi la tracciabilità rappresenta un assoluto must. Per una Paese come il nostro, che rappresenta l’eccellenza dal punto di vista alimentare, e’ sempre più importante garantire al consumatore la tracciabilità dei prodotti. Questo vi porterà dei vantaggi immediati poiché i vostri prodotti acquisiranno maggior valore.

    La normativa impone già la tracciabilità in diverse fasi della catena produttiva. Proprio per questo motivo potremmo utilizzare a nostro vantaggio questo obbligo e differenziarci dal resto del mercato facendo entrare virtualmente il cliente in azienda, raccontandogli la storia della singola pianta, ed immergendolo in ogni momento della lavorazione e trasformazione del prodotto.

    1. Servizi per i visitatori delle strutture ricettive associate alle attività agricole

    Di questo tema parleremo in un articolo specifico dedicato alle strutture ricettive, poiché anche in strutture pluri-stellate vedo ancora molteplici carenze dei servizi offerti agli ospiti. Il massimo dell’innovazione e del caring è spesso rappresentato da un messaggio di benvenuto nel monitor in stanza.

    Gli spunti riportati sono per certi versi di immediata realizzazione, il passo successivo all’introduzione dovrà essere quello di integrare tutti i dati raccolti dai vari sistemi per creare un cruscotto direzionale e di business intelligence che ti aiuti a interpretare tutte le informazioni e ti permetta di prendere decisioni rapide e avere il pieno controllo della tua azienda.

    Se vuoi iniziare subito la tua trasformazione digitale o  hai dubbi/curiosità sugli argomenti trattati, lascia un commento o contattami

  • La rivoluzione digitale in agricoltura

    Con il diffondersi delle tecnologie IoT, di sensori e oggetti connessi e del Cloud si sono fatte sempre più strada le soluzione cosi dette “intelligenti” o anche SMART. Sono cosi entrate nell’uso comune le definizioni di SMART Cities, SMART Home, Smart Agriculture. Smart Manufacturing. Ma cosa intendiamo realmente con soluzioni “intelligenti”? Iniziamo ad approfondirlo con uno dei settori che sta vivendo una nuova vera rivoluzione industriale poiché’ fino a qualche anno fa era visto esclusivamente come un settore “tradizionale”: la SMART AGRICULTURE

    Le grandi aziende agricole sono solitamente localizzate nei posti piu’ affascianti d’Italia lontani dalle città e dal caos, dove per ettari ed ettari è possibile vedere distese di vigneti, frutteti e piantagioni. Agli occhi di un turista questo può sembrare bellissimo, l’imprenditore invece,  deve affrontare degli ostacoli maggiori per poter avere accesso alle infrastrutture alla base della digitalizzazione e, deve necessariamente farlo a costi più elevati.  Ecco che in questo caso il passo zero della digitalizzazione passa proprio dalla connettività.

    Come premesso all’inizio di questo viaggio voglio continuare a considerare le infrastrutture come un falso problema, o per il quale la soluzione è di facile realizzazione, soprattutto ora che sono anche in corso le sperimentazioni per il 5G.

    Tra le aziende che seguo, ho alcuni dei maggiori produttori italiani in ambito agricolo e vitivinicolo, con i quali stiamo approfondendo e realizzando dei processi di “rivoluzione”. Vediamo quindi quali sono i temi che portano impatti importanti sul business relativi all’introduzione di innovazione e sui quali quasi tutte le aziende si stanno interrogando e/o stanno iniziando a sperimentare:

    1. Trattori a guida autonoma

    Una delle soluzioni più futuristiche (oggi definiamo futuristiche soluzioni che entreranno nella nostra quotidianità in meno di 5/7 anni), ma che racchiude in se molti degli scenari che si stanno già utilizzando è quello del Trattore a guida autonoma presentato da CNH che per evitare ogni dubbio, ha addirittura eliminato la cabina di pilotaggio.

    Da un’analisi più approfondita della soluzione, in realtà, la parte più innovativa del progetto e’ quella legata all’integrazione di soluzioni già impiegate nello stesso o in altri ambiti. La connected car di Tesla e’ ormai qualcosa che siamo abituati a considerare come “normale”. L’aggiunta di sensoristica IoT, condita con delle app digital fa il resto. Questo permette di vedere dalla centrale di controllo dove sono i mezzi, che lavoro stanno eseguendo, la precisione con la quale stanno eseguendo i loro compiti e impartire nuovi ordini. E’ possibile infine seguire con precisione millimetrica le indicazioni della mappa di prescrizione agronomica ottimizzando i costi dei trattamenti e migliorando la qualità del raccolto.

    1. Analisi delle performance della pianta mediante sensoristica integrata

    Per analizzare e migliorare le performance del lotto di produzione e’ possibile utilizzare e integrare uno o più dispositivi e sensori. I device più utilizzati sono quelli relativi a stazioni meteo, sensori per il monitoraggio di suolo e ambiente, sensori per il monitoraggio da remoto dei principali insetti parassiti, software innovativi per il monitoraggio per immagini.

    1. Ottimizzazione dei costi e della qualità con la quale vengono realizzati i trattamenti

    Integrando i dati raccolti con i sensori descritti al punto precedente e’ possibile ottimizzare i costi relativi all’irrigazione e ai trattamenti della piantagione e aumentare considerevolmente la resa per ettaro.

    1. Tracciabilità

    Sempre di più per l’agricoltura biologica e per i prodotti di origine controllata e’ richiesto che venga garantita la tracciabilità dell’intera filiera. Questo vuol dire poter tracciare tutta la storia della singola pianta. Attraverso l’utilizzo di big data, del cloud e di piattaforme di raccolta strutturata dei dati e’ possibile ottenere una tracciabilità  puntuale, completa e certificata di tutta la filiera di produzione al fine di garantire la qualità e il valore del prodotto finale.

    Abbiamo visto per macro aree la direzione che sta prendendo il mondo dell’agricoltura. Nella seconda parte proveremo a dare una guida e degli spunti da poter mettere in pratica con investimenti ridotti e con elevato ROI per iniziare la trasformazione nella tua azienda agricola anche se sei ancora scettico.

  • Le 4 domande per costruire le fondamenta della trasformazione digitale della tua azienda

    Mi capita spesso di chiedere ai miei Clienti di raccontarmi di cosa si occupa l’azienda, di quali siano le loro responsabilità, quali sono gli obiettivi aziendali di medio e lungo periodo, chi sono i loro Clienti e quali sono le preoccupazioni  e le problematiche che stanno affrontando.

    A parte restare stupito di quanto, davanti ad un interlocutore realmente interessato le persone vogliano aprirsi e raccontarsi, la cosa più interessante  che accomuna molti dei miei Clienti è che il reparto IT è visto come un ostacolo e in alcuni casi una fonte di rallentamento del business aziendale.

    Provo a spiegarmi meglio, la rivoluzione digitale ha portato a creare interfacce e programmi sempre più User friendly. È quindi normale, per i non addetti ai lavori, pensare che tutto sia facile da realizzare e soprattutto immediato. Come conseguenza il reparto IT dovrebbe rispondere e risolvere in tempo zero e soprattutto a budget zero a tutte le esigenze/problematiche dell’azienda.

    Dalla mia esperienza, salvo campi di applicazione davvero specifici e di specializzazione in cui non è sempre possibile semplificare, vige la regola che maggiore è l’usabilità e la semplicità d’uso dei sistemi e più alta è la complessità intrinseca. Per dirla ancora più semplice, più il programma è’ a prova di “stupido” maggiore è l’impegno per nascondere la complessità. Questo vale sia in ambito informatico che nell’organizzazione dei processi. Li dove tutto funziona come un orologio svizzero, alle spalle c’è stato un lavoro scientifico nell’ottimizzazione e nell’interazione tra i vari processi.

    Dando per assodato che sappiate benissimo chi sono i vostri Clienti (questo in ogni caso è un tema che affronteremo in un articolo di dettaglio) mi sembra chiaro che sia innanzi tutto necessario rispondere alle seguenti domande, prima di iniziare qualunque processo di digitalizzazione:

    1. Quali sono i processi core e quali quelli di supporto al business?
    2. Quali sono i processi che vengono percepiti dai miei Clienti?
    3. Come i miei processi impattano sulla esperienza di acquisto dei miei Clienti?
    4. Quali sono i punti di forza e quali le criticità che affrontiamo sul mercato e in confronto con la concorrenza.

    Se mi hai seguito fino a questo punto credo sia chiaro che non amo l’innovazione fine a se stessa e quindi la risposta a queste domande è la base per  dare le priorità ed intraprendere un processo di organizzazione, trasformazione e digitalizzazione dell’azienda che faccia in modo che:

    1. I processi core e quelli a supporto del business lavorino in maniera armonica e ti aiutino ad incrementare il tuo fatturato;
    2. Ci sia un focus particolare sui processi che impattano in maniera diretta i tuoi Clienti e per fare in modo che sia il fiore all’occhiello della tua azienda;
    3. Che l’esperienza di acquisto del tuo Cliente sia la migliore del settore e sia indimenticabile;
    4. Che i punti di forza siano la leva per il tuo business e le criticita’ siano mitigate o annullate grazie alle azioni dei punti precedenti.

    Quello che chiamo il passo zero rappresenta le fondamenta sulle quali costruire la trasformazione e l’innovamento del tuo business, ed è quindi fondamentale che, così come per le fondamenta di un palazzo, le analisi e gli approfondimenti siano fatti nel modo più scientifico possibile e che possiate avvalervi dell’esperienza di un Digital Transformation Manager che sappia guidarvi e supportarvi sin da subito nella costruzione delle vostra strategia.

     

    Lascia un commento e condividi l’articolo. Make your choice!!!

  • Digital Transformation – Quali sono i vantaggi che puo’ portare alla tua azienda

    Nel precedente articolo  abbiamo analizzato le obiezioni che ostacolano la digitalizzazione della tua azienda (se te lo fossi perso lo puoi ritrovare QUI). Concentriamoci ora su quelli che sono i vantaggi che una innovazione strutturata puo’ portare al tuo business e in definitiva i motivi che se ignorati possono mettere davvero in crisi te, i tuoi dipendenti e il futuro della tua azienda.

    Non mi piace parlare per frasi fatte, ma e’ evidente che qualunque sia il tuo mercato di riferimento ti trovi a lottare ogni giorno con un aumento della competitivita’ che spesso ti porta a dover “sbragare” sui prezzi dei tuoi prodotti/servizi.

    Non esiste una ricetta standard per fare in modo che questo non accada, ma e’ sicuramente vero che esistono delle buone azioni che se intraprese in maniera strutturale possono portare a differenziarti dalla concorrenza, ad ottimizzare i costi di produzione, ad offrire una delivery indimenticabile del tuo prodotto/servizio e a continuare ad essere il primo nel tuo settore di riferimento.

    L’introduzione di processi di trasformazione e di innovazione digitale e’ una di queste “buone azioni” che puo’ portarti vantaggi almeno in queste aree:

    1. Sicurezza del tuo business e di quello dei tuoi clienti

    L’introduzione di innovazione e digitalizzazione dei processi aziendali, dai piu’ banali quali la dematerializzazione e conservazione sostitutiva a norma ai piu’ complessi quali ad esempio l’introduzione di sistemi di analisi automatica delle performance dei tuoi macchinari, mettono al sicuro il tuo business dalla perdita di dati e ti danno la garanzia di non dover bloccare mai la tua catena di creazione del valore per te e per i tuoi clienti e di essere quindi in grado di rispettare gli impegni presi ottimizzando i costi di produzione e riducendo al minimo i fermi macchina

    1. Processi snelli e che si adattano alle esigenze di cambiamento del tuo business

    Inutile dire che la rapidita’ e la capacita’ di adattamento ai cambiamenti del tuo business  e’ direttamente proporzionale al grado di controllo della catena di produzione e che il modo piu’ efficace di lavorare e’ quello di creare processi snelli e quanto piu’ possibile automatizzati che si integrino e interagiscano con semplicita’. E’ quindi importante continuare ad analizzare dove e’ possibile introdurre dell’automazione e quali dati e’ utile analizzare per ottenere un miglioramento delle performance. Importante sfruttare i superammortamenti previsti dal piano industria 4.0 per ottimizzare i processi, studiare le best practice di settore e approfittare delle potenzialita’ offerte dall’IoT.

    1. Semplicita’ di comunicazione e accesso al mercato internazionale

    Questo e’ forse il punto piu’ importante, Per avere un’azienda operativa 24/24 365 gg l’anno e’ importantissimo che i processi siano semplificati, standardizzati e replicabili. L’introduzione di processi digitali fa in modo che questo avvenga, semplificando la comunicazione sia interna (tra i vari dipartimenti aziendali) che esterna all’azienda (clienti e fornitori) divenendo un enabler all’internazionalizzazione dell’azienda e all’acquisizione di nuovi clienti.

    Abbiamo affrontato fino a questo punto le criticita’ e i vantaggi derivanti dall’introduzione di processi di digitalizzazione nella tua azienda. Provero’ nei prossimi articoli a dare una visione piu’ di dettaglio di quali siano dei casi reali di trasformazione con esempi specifici in alcuni settori industriali e quali siano le potenzialita’ introdotte dalla diffusione, ormai massiva, di oggetti connessi (IoT).

  • Digital Transformation – Di cosa parliamo e quali sono le obiezioni più comuni che ne bloccano il processo.

    Sempre più si sente parlare di Digital Transformation, parola ormai abusata che non sempre porta alle aziende i risultati aspettati.

    Proverò in questo articolo a darvi un punto di vista di cosa è e come valutare i benefici che può portare alla tua azienda e quali sono gli ostacoli che ne impediscono l’adozione.

    Il grado di digitalizzazione delle aziende Italiane è alquanto variegato, si passa da piccole aziende super efficienti e iper tecnologiche a medie e grandi imprese che ancora lottano con processi vecchi ed elefantiaci.

    Il vero punto focale è che il 90% delle PMI italiane si basa su genio e sregolatezza del socio fondatore che spesso ricopre e/o vuole avere l’ultima parola nelle decisioni di tutti i ruoli apicali dell’azienda passando dal CEO al CFO al CIO.

    Ma cosa si intende con Digital Transformation e come può impattare sulla tua azienda? Volendo dare una definizione semplicistica per Digital Transformation intendiamo l’introduzione della tecnologia, e, dei cambiamenti organizzativi e strutturali che ne conseguono che possono portare un’ottimizzazione nei processi dell’azienda. Provo ad essere ancora più chiaro con un paio di esempi semplici ma utili a farti comprendere quali possano essere i campi di applicazione:

    • Dotare la forza vendita di uno strumento che gli permetta di conoscere in tempo reale le giacenze in magazzino, di far firmare l’accordo al Cliente e di inviare l’ordine in azienda;
    • Installare in catena di produzione un SW integrato con il magazzino logistico, con i Fornitori e con il sistema di gestione ordini per ridurre le scorte e ottimizzare l’approvvigionamento just in time.

    Ma quali sono gli ostacoli all’introduzione di “sana” innovazione? Ecco di seguito quelle che, dalla mia esperienza, sono le obiezioni più frequenti che mi vengono fatte quando ci si trova a discutere sull’introduzione di processi di digitalizzazione e i motivi per cui sono false:

     1. Digitalizzare vuol dire mettere i propri dati in posti non sicuri

    Ormai quasi tutte le soluzioni sono fornite in modalità SaaS, PaaS, IaaS ed è quindi importante assicurarsi sia che le infrastrutture cloud dove sono ospitate siano sicure sia che le applicazioni non abbiano bug di sicurezza. È sicuramente vero che avere i dati “in casa” non è sinonimo di sicurezza, anzi al contrario è praticamente impossibile garantire gli stessi livelli di sicurezza e garanzia del dato che si hanno in un ambiente dedicato e protetto. Perciò l’unico consiglio che voglio darvi è fatevi aiutare da a società affidabili e non fate che sia la sola leva economica a guidare la vostra scelta. Vi invito a leggere questo articolo che descrive in maniera puntuale il fatto che la vulnerabilità più comune nelle reti interne si è rivelata essere quella dell’utilizzo di password deboli (100%) (Cloud Storage sotto attacco). A volte prima ancora di pensare all’innovazione dei processi sarebbe necessario partire dalla base e capire con sessione di security assessment quali sono le vulnerabilità che possono minare il vostro business.

    2. Digitalizzare vuol dire essere ostaggi di processi informatici che potrebbero non funzionare.

    Anche questa è una falsa convinzione. E’ sicuramente importante che il processo di introduzione della tecnologia sia accompagnato da una fase di studio e progettazione e anche in questo caso è importante che ad aiutarvi siano dei professionisti dei quali vi fidiate e ai quali darete modo di entrare nei vostri processi aziendali. Fatto ciò, avendo ben chiaro che tutti i processi di cambiamento richiedono dei tempi di messa in esercizio e affinamento, tutto funzionerà nel modo corretto, con maggiore efficienza e con una sicurezza sui dati e sulla continuità del vostro business che non potreste avere altrimenti.

    3. Digitalizzare costa troppo

    Questo forse è la più falsa di tutte le obiezioni, o almeno lo è se analizziamo l’investimento nel corretto lasso temporale. Spesso quando ricevo questa obiezione mi viene in mente il discorso tra CFO e CEO che spopola su linkedin:

    Ecco io la riscriverei in questo modo, anche se spesso in questi casi CFO e CEO vanno a braccetto

    CFO asks CEO:

    “Costa troppo portare avanti progetti di innovazione in azienda. I nostri processi, seppur macchinosi funzionano e hanno sempre funzionato cosi”

    CEO: “Per quanto tempo ancora potremo essere competitivi sul mercato e quanto ci costerà in termini di competitività con la concorrenza non innovare?”

    4. Non ci sono le infrastrutture tecnologiche a supporto dell’innovazione.

    Diciamo che in alcuni casi questa obiezione può essere reale ed è pur vero che l’Italia non è ai massimi livelli infrastrutturali se paragonata ad altre realtà Europee. In questo caso mi sento però di dire, perdonatemi se sono un po’ di parte, che è il caso più vero nel quale non deve essere la parte economica il driver per la risoluzione di questi tipi di problematiche. L’operatore per il quale lavoro ha oggi la rete 4G migliore d’Italia , ha investito in Italia oltre 3,5 Miliardi di euro in innovazione negli ultimi due anni, ed è, secondo una ricerca Gartner, il primo operatore al mondo per i Managed M2M services. Diciamo che ho imparato in questi anni a dare per scontato che i problemi infrastrutturali non esistono, e che nella peggiore delle ipotesi eè a volte necessario che sia la tecnologia ad adeguarsi ai vincoli infrastrutturali che ci si trova ad affrontare.

    5. Non abbiamo stanziato un budget in innovazione

    Direi che la risposta a questa obiezione è semplicemente la somma delle risposte alle obiezioni precedenti. In questo caso, più che negli altri, mi sento di dire che è compito del Consulente che vi affianca aiutarvi a calcolare il ROI della soluzione che state valutando. La mia esperienza mi porta a dire che oggi più che mai è impossibile vendere soluzioni per le quali non siano valutabili i tempi di ritorno dell’investimento.

    Ci siamo focalizzati in quelli che sembrano essere i motivi che ostacolano i processi di innovazione aziendale e questo è tanto più importante in questo momento storico in cui il piano Industria 4.0 viene a dare una mano agli investimenti tecnologici. Il consiglio reale che mi sento di dare alle PMI è quello di focalizzarsi sul core business aziendale e di cercare esperienza e best practices per i dipartimenti a supporto del business affidandosi agli specialisti del settore.

Trovi utili i contenuti del mio blog, condividilo con i tuoi amici!!!