La guida alla Trasformazione Integrata

Data Center

  • Perché dovresti scegliere il cloud!!!

    Pochi giorni fa sono andato ad incontrare l’IT manager di una multinazionale con sedi in tutto il mondo e abbiamo approfondito lo stato della loro infrastruttura IT. Infrastruttura davvero complessa e complicata. C’è stato peró qualcosa che ha attirato la mia attenzione ovvero il fatto che oggi questa azienda abbia un’infrastruttura on-premise ma soprattutto le motivazione dietro questa scelta.

    La motivazione non è legata a dubbi sul Cloud, o sul credere che avere tutto in casa sia più efficace e più efficiente. La motivazione è guidata dalla convinzione che per i dati aziendali si preferisce essere sicuri che siano in casa.

    In queste situazioni quello che mi viene sempre da ricordare è  il fatto che nel momento in cui dovessi avere un milione di euro in contanti sicuramente non lo terrei sotto il materasso. Mi affiderei probabilmente ad un istituto di sicurezza perché sono sicuro che la mia casa è meno sicura di un istituto di sicurezza dove ci sono le guardie armate e sistemi di sicurezza molto piú elevati di quelli che potrei avere io.

    Lo stesso ragionamento dovrebbe valere per la tua infrastruttura.

    Il fatto che tu abbia dati sensibili, dati aziendali é vero praticamente in tutte le aziende; questo peró non giustifica che tu abbia dell’infrastruttura in casa. Sicuramente bucare i sistemi di sicurezza del tuo data center on-premise è più facile che bucare i sistemi di sicurezza di un cloud provider; sicuramente la probabilità che il tuo cavo di rete venga troncato, che ci sia una interruzione della corrente elettrica é molto più alta nel tuo data center in casa che nel cloud. Inoltre, per un’azienda internazionale, il fatto che si blocchi una sede (il centro stella dei servizi IT), non può giustificare il fatto che si blocchino anche le sedi periferiche.

    Aggiungo che il fatto di voler avere i dati al sicuro non ti può bloccare dall’avere un disaster recovery in cloud sia perché devi garantire il tuo business ma anche perché devi sempre porti la domanda: “che succede se crolla la mia sede? Che succede se perdo completamente i dati aziendali? in caso di incendio? Se c’è un terremoto? un allagamento?

    Posso perdere tutta l’informazione aziendale? Non posso permettere che questo succeda quindi il mio consiglio è: valuta l’esigenza e le opportunità del cloud. Non è detto che tu debba portare in cloud tutta l’infrastruttura, non è detto che si debba fare uno switch on/off di tuttao quanto, ma è un’esigenza che tu hai, che il tuo business ha e che, la sicurezza della tua azienda richiede per continuare a lavorare bene e dare sicurezza ai tuoi clienti.

    Fammi sapere quale é la situazione della tua infrastruttura, cosa ne pensi del cloud  e se giá lo adotti.

    collegati al mio canale Youtube per non perderti gli altri video

  • Perché la trasformazione della tua azienda passa dalle nuvole

    Ho già espresso in altre occasioni il mio punto di vista sul fatto che un buon reparto IT deve essere a supporto del Business e deve focalizzarsi sulla semplificazione dei processi per far funzionare come una macchina perfetta la tua azienda. È anche vero che molto spesso, tale reparto è sottodimensionato e non è in grado quindi di garantire i massimi standard qualitativi in termini di sicurezza e affidabilità di tutta l’infrastruttura.

    D’altro canto non è certo colpa degli IT Manager se il budget a loro disposizione non è sufficiente per avere sale server di ultima generazione, sistemisti dedicati a garantire che tutto funzioni e personale impiegato a verificare costantemente che l’infrastruttura sia sempre funzionante al 100%.

    Per quanto possa sembrare controintuitivo a chi non è un esperto del settore, nella maggior parte dei casi (direi praticamente sempre) avere l’infrastruttura in casa comporta un aggravio di costi e soprattutto mette davvero in pericolo la tua azienda con un rischio economico incalcolabile.

    Giusto per toccare un argomento d’attualità pensiamo al caso del worm Wannacry  che ha messo in ginocchio molte nazioni e che ha creato seri danni a molte aziende.  Ho personalmente sentito IT Manager che hanno preferito spegnere i loro server e scollegare il loro business dal mondo per non rischiare di essere contagiati. Credi che questa possa essere la soluzione per mettere al sicuro la tua azienda? Se la riposta è SI, allora ti faccio il mio in bocca al lupo e credo che non serva continuare a leggere ancora. Se come invece credo, pensi anche tu che sia inaccettabile correre questo tipo di rischi, analizziamo insieme in questo e nei successivi articoli:

    1. Perché dovresti esternalizzare la tua infrastruttura nel Cloud;
    2. Le obiezioni che ostacolano il processo ed il motivo per cui sono false;
    3. I modi in cui è possibile effettuare il porting in cloud della tua infrastruttura;
    4. Gli step da seguire per mettere al sicuro la tua infrastruttura.

    Iniziamo ad approfondire se esternalizzare la tua infrastruttura, in tutto o in parte, sia l’unica scelta possibile o se esistono alternative valide. Purtroppo, anzi direi per fortuna, la risposta a questa domanda è davvero una sola: meglio esternalizzare la tua infrastruttura indipendentemente dalla modalità con la quale lo farai.

    Provo ad utilizzare un esempio semplice per provare a spiegarti il perché di questa risposta netta. Mettiamo che tu abbia 1 Milione di Euro in contanti, saresti tranquillo a tenerli in casa? In questo caso la cosa più giusta da fare, prima ancora di decidere come gestire il capitale, sarebbe quella di esternalizzare il servizio di custodia del tuo capitale. Questo non vuol dire scegliere come e se investire il capitale, se mettere i soldi in un libretto di risparmio, se investire in borsa, o se tenerli in una cassetta di sicurezza. Vuol dire essere certi che qualunque sarà la scelta sarai sicuro di poterla fare con la serenità di non doverti preoccupare di custodire i soldi da furti, incendi o altre catastrofi.

    Ecco lo stesso vale per la tua infrastruttura, portarla in un Data Center di ultima generazione è la prima scelta da fare, ed è necessario essere consapevoli di questo prima ancora di decidere in che modo, se utilizzando servizi di Cloud pubblico, Cloud Privato, Colocation, Cloud Ibrido o qualcosa che non è  ancora stato inventato

    Qualunque sarà la decisione che prenderai sarai sicuro che, scegliendo un Data Center con gli adeguati livelli di sicurezza e un giusto partner che ti supporti in questo cambiamento, non dovrai preoccuparti delle sciagure che potranno succedere alla tua sala server (incendio, alluvione, furto, corto circuito ecc.).

    Il driver che ti deve guidare in questa scelta è sempre relativo a quanto importanti siano i dati della tua azienda. Può essere accettabile perdere tutti i dati e le informazioni della tua azienda? Chiunque si aspetta che questo non succeda, ma credi che il fatto di fare un backup notturno e tenerlo nella stessa stanza dove sono i tuoi server possa farti dormire sonni tranquilli? E se anche lo fosse, puoi accettare di restare fuori dal mondo e smettere di fare business a causa di un calo di energia elettrica o di una interruzione di connettività? E se peggio ancora dovesse andare a fuoco il tuo DC? Puoi permetterti di bloccare tutte le attività per un mese prima di riprendere a lavorare?

    Partiamo da questi presupposti per analizzare nei prossimi articoli le obiezioni che in genere ti rendono scettico sull’esternalizzare l’infrastruttura e perché sono false e affrontiamo quali sono le modalità con le quali puoi eseguire queste operazioni. Ti darò poi dei suggerimenti da seguire per mettere al sicuro la tua azienda partendo da zero.

    Se hai dubbi, curiosità o domande sono sempre qui ad ascoltarti…. Make your choice.

Trovi utili i contenuti del mio blog, condividilo con i tuoi amici!!!